Visite Mediche - A.S.D. Marathon Massafra

FotoAlbum Marathon Massafrese CLICCA QUI
Vai ai contenuti

Menu principale:

Visite Mediche

LA SOCIETA'
 

Visite mediche

Comunicati


NORMATIVE SULLA TUTELA SANITARIA IN ATLETICA LEGGERA
(Delibere del Consiglio Federale del 15 Novembre 1997 e dell'11 Ottobre 2003)

E' tuttora in vigore il D.M. del 18/02/82 (G.U. 05/03/82) ed integrativo D.M. 28/02/83 (G.U. 15/03/83) sull'accertamento obbligatorio della idoneità all'attività sportiva agonistica.

La certificazione dell'idoneità specifica alla pratica dell'atletica leggera:
a) è condizione indispensabile per la partecipazione all'attività agonistica;
b) ha validità annuale;
c) deve essere conservata dalla Società Sportiva di appartenenza che peraltro è tenuta a controllarne la scadenza ai fini del rinnovo (Circ.      n. 7 del Min. Sanità del 31/01/1983).

Visto quanto previsto dall'art.1 del D.M. 18/02/1982 ed integrazioni (D.M. 28/02/83) su "Norme per la Tutela Sanitaria" dell'attività sportiva agonistica, che demanda alle Federazioni Sportive Nazionali la qualificazione agonistica a chi svolge attività sportiva, la Federazione Italiana di Atletica Leggera ha aggiornato le categorie degli atleti agonisti (Delibera del C.F. n.30 del 11/10/03).

Pertanto per la FIDAL sono considerati "agonisti" a tutti gli effetti gli atleti delle seguenti categorie per le quali è obbligatoria la visita medica di idoneità agonistica:

- RAGAZZI M/F (12 - 13 anni)
- CADETTI M/F (14 - 15 anni)
- ALLIEVI M/F (16 - 17 anni)
- JUNIORES M/F (18 - 19 anni)
- PROMESSE M/F (20 - 21 - 22 anni)
- SENIORES M/F (da 23 anni ed oltre)
- AMATORI M/F (da 23 a 34 anni)
- MASTERS M/F (da 35 anni ed oltre)

N.B. Gli atleti vengono collocati nelle rispettive categorie in relazione all'anno di nascita (millesimo) e non in base al giorno e al mese di nascita.

Tale accertamento, che deve essere effettuato da medici Specialisti in Medicina dello Sport (presso strutture pubbliche o centri o studi autorizzati, a seconda delle normative emanate in materia da ciascuna regione), prevede:
1) visita;
2) elettrocardiogramma a riposo e dopo sforzo;
3) spirografia;
4) esame urine;
5) eventuali ulteriori esami specialistici e strumentali che il medico visitatore ha facoltà di richiedere su motivato sospetto clinico.

Occorre inoltre sottolineare che la valutazione di NON IDONEITA' costituisce divieto di legge alla pratica dello sport agonistico, a cui però l'atleta può opporsi ricorrendo alla Commissione Regionale di Valutazione per un'eventuale revisione.


CONCLUSIONI

Prima di cominciare un'attività sportiva è d'obbligo (sarebbe comunque importante non considerarlo solo un obbligo, ma soprattutto un'opportunità per tutelare la nostra salute) effettuare la visita medica relativa al livello e al tipo di sport che ci accingiamo a praticare.
La A.S.D. Marathon Massafra  richiede all'interessato, al momento dell'iscrizione alla Società, il certificato di idoneità che sarà conservato presso la sede dell'organizzazione sportiva per almeno 5 anni.
Viene, pertanto, organizzato una sorta di scadenzario per mantenere monitorati tutti i praticanti e richiedere alle varie scadenze la ripetizione del certificato.
Si fa notare che la responsabilità giuridica ricade sul Presidente della Società il quale è responsabile in caso di patologie e danni provocati dalla mancata verifica dell'idoneità del soggetto.


ALCUNE RIFLESSIONI

Spesso ci troviamo a considerare gli aspetti positivi della pratica sportiva e della attività motoria senza considerare a volte che i benefici non sono automatici ed insiti nella stessa pratica sportiva, ma sono la conseguenza dei nostri comportamenti ed atteggiamenti che integriamo con lo svolgimento dell'attività sportiva di quella specifica disciplina.
Se per esempio cominciamo a correre senza abbandonare abitudini nocive come il fumare, un'alimentazione sregolata, poco riposo ed eccessivo stress, difficilmente la pratica sportiva potrà contribuire al nostro benessere, ma potrebbe anche essere addirittura dannosa al nostro fisico e causa di patologie cardiocircolatorie.

Inoltre spesso si ritiene erroneamente che il cosiddetto "sport amatoriale" sia quello meno pericoloso in quanto coinvolge bassi livelli di agonismo, mentre invece, venendo praticato il più delle volte saltuariamente, senza la possibilità o la voglia di sottoporsi a visite mediche e in molti casi in età mediamente avanzata è sicuramente molto più a rischio dello sport di vertice dove gli atleti possono quasi sempre contare su qualificate équipe di medici specialisti.

In tale ottica la A.S.D. Marathon Massafra  consentirà l'iscrizione alle gare solo a quegli atleti in possesso del certificato d'idoneità.

Anche la legislazione vigente può essere migliorata fornendo alla massa dei praticanti maggiori possibilità per l'effettuazione delle visite mediche ed a costi più ridotti, ma è comunque certo che una vera prevenzione e tutela sanitaria nello sport potrà essere concretizzata partendo dalla consapevolezza e responsabilità di ogni singolo atleta.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu